Mattia Poma (Carrozzeria Tonale),
"per l'autista il camion è casa"

"Un autista sta tutto il giorno sul camion, è casa sua". Ecco perché per Mattia Poma, socio titolare insieme allo zio Claudio di 'Carrozzeria Tonale' ad Albano Sant'Alessandro (Bg), "nel riparare un truck ci vogliono cure e attenzioni particolari". Quelle che dal 1965 fanno affluire in Via Tonale 81 clienti anche dalla bassa Lombardia.

Sempre stati qui?
Dal 1988. Serviva una sede più grande e questa, con mille metri quadrati coperti, faceva al caso nostro. Io in realtà sono qui dal 2008, ho trent'anni e ho deciso da ragazzo che avrei fatto il lavoro di mio padre e di mio zio e prima di loro del nonno. Carrozzeria Tonale nasce nel 1965, ma già il nonno Antonio aveva avviato l'attività a Seriate.
Con noi ci sono quattro dipendenti e tutti dedicati ai veicoli industriali. Ognuno di loro è qui da una vita ed è in grado di seguire ogni fase della riparazione, dallo smontaggio alla rifinitura.

Lei e suo zio invece?
Noi ci occupiamo anche di auto. Il 70 per cento del nostro lavoro è sul veicolo industriale, la carrozzeria è nata con questa impronta. Poi però lo zio ha cominciato ad assecondare le richieste dei nostri clienti che guidavano il camion per mestiere ma ovviamente avevano anche una macchina. Da cosa nasce cosa e la carrozzeria ha aperto alla riparazione di vetture di tutte le marche. Con il fatto che siamo in una strada di passaggio ci capitano dentro, non abbiamo solo clienti fidelizzati. Ripariamo dal 'pandino' all'Hummer alla Maserati...

Multimarca anche i veicoli industriali?
Di tutte le marche e tipologie, dal semirimorchio al rimorchio al trattore stradale. Abbiamo clienti anche dalla bassa Lombardia, i più lontani arrivano da Milano e da Lecco.
Tanti dicono "e va beh, è un camion", e pensano che la lavorazione di un camion sia più facile o veloce rispetto a un'auto. Non è così. E poi un autista sta tutto il giorno sul camion, è casa sua, è più attento e meticoloso.
Adesso ho qui un camper, cinque semirimorchi e tre autovetture. Siamo sulla ventina di ingressi a settimana.

Restaurate anche vetture d'epoca?
Sì, ci è capitato. Ho per le mani una Fiat 124 Sport degli anni 60, ma il restauro è un lavoro occasionale, fatto per persone che ci conoscono. Che mi piace particolarmente, parlo di restauro, sono le Vespe. Mi ci sono anche sposato! Era una Vespa del 1956.

La vostra è una clientela privata o anche assicurativa?
Abbiamo soltanto due convenzioni, con assicurazioni con cui abbiamo trovato il giusto accordo. Avremmo avuto più possibilità, ma abbiamo scelto le due che ci tiravano un po' meno matti. Il giro ormai ce l'abbiamo, lavoriamo anche con qualche concessionario di truck e con una grossa officina convenzionata con una compagnia di noleggio che passa a noi gli interventi di carrozzeria.

Come si sceglie un ricambio quando si ripara un veicolo industriale?
Il truck è un mondo a sé, magari un parafango costa 50 euro e una mostrina coprifaro 100!
Il cliente, che è un un po' più sgamato di quello che deve riparare una vettura, sa che ci sono anche i ricambi non originali. È sempre una questione di prezzo, ma per una differenza di 50 euro di sicuro montiamo originale!
Per il camion purtroppo conta tanto anche l'età: da noi, con il fatto che le revisioni stanno facendo una strage e molti cominciano a sostituire, si sta abbassando molto l'età media. Il camion più vecchio tra quelli dei nostri clienti è del 2000.

Il carrozziere che ripara il camion perché preferisce l'originale?
Perché non crea problemi in fase di montaggio e per un fatto di estetica: è rifinito meglio. 

Auto o truck, consegna Doc?
Certo! Doc è utile, comoda, veloce. Ordini i ricambi e due volte al giorno hai il servizio a domicilio. E poi possiamo contare su Andrea (Corti, promoter di riferimento, NdA), simpatico e disponibile.

Anche le concessionarie?
Mi è capitato il mese scorso di dover fare un duplicato chiavi e ho dovuto appoggiarmi alla concessionaria. Tutto bene, Doc ha fatto ritiro e riconsegna.
Se ho bisogno di assistenza le porte sono aperte, mentre gli sconti - parlo soprattutto per i truck, dove una sciocchezza può costare una fucilata - si possono sempre migliorare.

Secondo lei perché i camionisti scelgono 'Tonale'?
Il veicolo industriale non può stare fermo, gli autisti non possono perdere tempo, quindi bisogna fare bene e il più velocemente possibile. Un lavoro fatto bene ti ritorna sempre indietro. Direi che ci scelgono per la velocità e per la professionalità.
Il cliente del truck chiede pulizia, molti hanno paura che riparandolo glielo possiamo sporcare, devi sempre mettere il cellophane. Gliel'ho detto, il camion è casa.

  • Sostenibilità: il giro delle Alpi è “elettrico”
    26 giugno 2019 - Scatterà il prossimo 4 luglio da Cogne, in Valle d'Aosta, e si concluderà il 10 luglio a Bled, in Slovenia, la prima edizione dell'Alpine Pearls E-Tour, una sorta di "Mille Miglia" riservata alle auto elettriche. Saranno impegnate sette auto (Nissan, Renault, Tesla, Bmw e Jaguar) completamente elettriche che percorreranno un tragitto che unirà...

  • Popmove, cercasi scambisti
    24 giugno 2019 - Svelata la misteriosa campagna di lancio 'Cercasi scambisti', che dal 10 al 23 giugno ha tappezzato ogni angolo di Roma con cartelloni dallo slogan tanto provocatorio quanto criptico. Protagonista Popmove, Social Mobility Network che permette di trovare un'auto quando se ne ha bisogno e condividere la propria quando non...

  • Crisi diesel: a rischio 150mila posti
    21 giugno 2019 - Preoccupata del continuo calo delle vendite dei modelli diesel, Bosch lancia l'allarme, attraverso Gerhard Dambach, amministratore delegato di Bosch Italia, sulle conseguenze che potrebbero derivare da una perdurante crisi commerciale di questa tecnologia che, dati scientifici alla mano, è oggi la più pulita in rapporto ai costi per l'utenza...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK