Service Day a Brescia
guida il cambiamento

Debutta il 16-17-18 novembre al Brixia Forum di Brescia 'Service Day', il nuovo evento di AsConAuto e Quintegia dedicato alla filiera del post vendita, un luogo di aggregazione, networking e aggiornamento per un segmento del settore auto che vale in Italia circa 30 miliardi di euro e conta sul territorio decine di migliaia di professionisti. In primo piano ci sono le trasformazioni del mercato dell'assistenza e riparazione auto sotto la spinta da un lato dell'evoluzione tecnologica, dall'elettrico alla connettività fino alla guida autonoma, dall'altro di un consumatore con esigenze nuove e sempre più legate al mondo digitale.

Riservato a tutti i protagonisti della filiera della riparazione e agli operatori del service (officine autorizzate e indipendenti, carrozzerie, concessionarie, case auto e aziende specializzate), l'evento taglia il nastro della prima edizione venerdì 16 novembre con una giornata di meeting riservati e su invito, per poi allargarsi sabato 17 e domenica 18 ottobre con le sessioni del programma e l'apertura dell'Area Business.

In calendario oltre 20 appuntamenti sui temi caldi per la gestione efficiente ed efficace del service, in un'ottica di digitalizzazione e aumento della redditività, senza dimenticare la relazione e fidelizzazione del cliente, a partire dal confronto e dalle best practice. Le sessioni, parallele e indirizzate a diversi target (concessionari piuttosto che officine indipendenti), oltre ai contenuti targati AsConAuto e Quintegia (con il presidente di AsConAuto, Fabrizio Guidi, e Leonardo Buzzavo e Luca Montagner, rispettivamente presidente e senior advisor di Quintegia), vedranno tra i relatori i service manager di concessionarie come Audi Zentrum Alessandria, Fratelli Giacomel e Trivellato, titolari di officine (Autonova Milano e Autofficina Autronica) e carrozzerie (Autosicura), ma anche speaker motivazionali come lo scrittore Sebastiano Zanolli e lo storico allenatore di pallacanestro, giornalista e telecronista sportivo Dan Peterson. Partecipano anche le case auto, presenti in Area Business e tra gli interventi, con la presentazione di iniziative implementate per le loro reti.

Il mondo dell'officina rappresenta nel nostro Paese una realtà estremamente eterogenea e frammentata: si contano oltre 35mila aziende tra riparatori, carrozzerie e gommisti, in sette casi su dieci affiliate a network per il reperimento di informazioni tecniche, formazione, ricambi e attività di marketing, mentre supera il 70 per cento la quota delle officine indipendenti. Uno scenario, quello della competizione tra indipendenti e autorizzati, destinato - secondo l'analisi di Quintegia - a mutare a fronte della concorrenza sulle vetture recenti e dell'interesse delle case auto ad allungare la fidelizzazione del cliente.

Di piccole dimensioni (poco più di tre la media degli addetti), stando a una recente indagine di ICDP (International Car Distribution Programme), i protagonisti dell'after-sales di oggi devono suscitare nei clienti affidabilità, fiducia e vicinanza, e allo stesso tempo incrementare la loro offerta con servizi innovativi e sempre più digitali, come le app con i dati live, il meccanico a domicilio, il riparatore temporaneo, il servizio rapido o l'auto che prenota da sola l'intervento, grazie allo sviluppo sempre più pervasivo della telematica all'interno delle vetture.

  • Italiani: “auto e buoi dei paesi tuoi”
    18 gennaio 2019 - Gli italiani risultano legati al Made in Italy per la scelta della prima auto: è quanto emerge dall'ultima indagine di automobile.it, piattaforma di compravendita di auto usate di proprietà del gruppo eBay. E ci sono differenza tra uomini e donne sulla tempistica degli acquisti. La ricerca, realizzata su un campione di 1.000 intervistati...

  • Carpooling, che passione!
    16 gennaio 2019 - Fare il tragitto casa-lavoro con colleghi e dipendenti di aziende limitrofe, lasciando a casa la propria auto quando non si è 'di turno' alla guida, ha permesso di togliere dalle strade 116.569 auto e di risparmiare 3.120.385 chilometri, un dato cresciuto dell'82 per cento nel 2018 rispetto al 2017. Ne hanno beneficiato, ovviamente, sia il portafoglio...

  • Veicoli commerciali: 2018 con segno meno
    14 gennaio 2018 - Dopo un primo semestre con vendite allineate a quelle del 2017 e un forte peggioramento a partire da settembre, complice una non completa disponibilità di prodotti rispondenti alle nuove norme di omologazione, entrate in vigore il 1° settembre per gli autocarri di fascia di peso più bassa, i veicoli commerciali chiudono l'anno 2018 con una flessione...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK