Antonio Rossi, in Doc
"serietà e qualità del servizio"

"Io sono uno che punta in alto, guardo serietà e qualità del servizio. Le ho trovate entrambe in Doc". Lui è Antonio Rossi, una vaga somiglianza con l'ex canoista campione olimpico, titolare dell'omonima Officina di Via Ciurlina a Ghisalba (Bg).

Qui dagli inizi?
La sede è quella delle origini, ma i 500 metri quadrati coperti di allora oggi sono 750. L'officina porta il mio nome perché l'ho fondata io, nel gennaio '96. Prima mi sono fatto le ossa nelle scuole professionali, studiando da motorista d'auto ed elettrauto, poi sono andato a lavorare come dipendente. Ma ero sottopagato, fissato con l'idea di mettermi in proprio e... eccomi qui, con tre collaboratori.

Le manca solo, si fa per dire, la carrozzeria...
La carrozzeria è un altro pianeta. Io faccio meccanica, gomme, elettrauto e revisioni. E ho due carro attrezzi per il servizio alla nostra clientela e anche per chi trova il contatto in internet. Sono conosciutissimo, sono anche omonimo del canoista...

Quantifichiamo la sua attività?
Solo come revisioni sono circa 1.600 all'anno, per entrano quattro-cinque vetture al giorno, multimarca. Riparo di tutto, dall'utilitaria all'alto di gamma e tra queste soprattutto Porsche.

Convenzioni con le flotte ne ha?
Non voglio saperne, se devo morire devo morire nella vasca di casa mia. Le flotte mi corteggiano ma non ci troviamo sulle tariffe: 27 euro all'ora e mi dai tu i ricambi! E poi con i miei clienti - ne ho in un raggio di 30 chilometri, il più lontano è a 80 chilometri da Ghisalba - ho un rapporto personale.

Lei è Bosch Car Service ed è anche cliente Doc. Quando monta originale?
A parte che tante volte c'è solo il ricambio originale, può essere una richiesta del cliente durante il periodo di garanzia, o una mia scelta: con l'originale non si sbaglia mai, contestazioni zero, e se anche ci sono è facile dimostrare che non c'entra il ricambio.
In più, con i programmi informatici che abbiamo, possiamo confrontare i prezzi e tante volte vedo che l'originale costa uguale o addirittura qualcosa meno di un ricambio di concorrenza.

Del servizio Doc è contento?
Penso di lavorare con Doc da quando è nata Doc. Io sono un tipo che punta in alto, guardo serietà e qualità del servizio, e in Doc le ho trovate entrambe. Ho la doppia consegna, i ragazzi sono tutti bravi... Devo anche dare atto a Doc che ha migliorato il rapporto tra officina e concessionaria. I concessionari si sentono sempre un po' sul piedistallo, ma grazie al consorzio  il gradino è più basso.

A proposito di concessionarie, sono disponibili a fornire assistenza se necessario?
Bisogna fare dei distinguo, alcuni marchi mettono un po' il bastone tra le ruote. Ma ho visto  che, con l'umiltà e la gentilezza, la porta non me l'ha mai chiusa nessuna.

Che cosa qualifica Officina Rossi dopo quasi un quarto di secolo?
Sicuramente offro un servizio a 350 gradi, non posso dire 360 perché non ho la carrozzeria, ma collaboriamo con una qui vicino. Un cliente nuovo che viene da me trova l'officina decisamente pulita, massima cordialità e cura dell'auto fino all'ultimo particolare. I clienti sono coccolati ed escono soddisfatti.

  • Post-Covid: Italia ancora senza incentivi
    29 maggio 2020 - Mentre la Francia vara un maxi-piano da 8 miliardi per la mobilità e la Germania si appresta a presentare una manovra analoga, l'Italia per il momento non si occupa di sostegni per il settore automotive facendo vedere nero agli operatori di un settore che, nel complesso, rappresenta il 10 per cento del pil nazionale...

  • Come ci muoveremo 'dopo'?
    27 maggio 2020 - Superata l'emergenza Covid, sette italiani su dieci utilizzeranno l'auto per i propri spostamenti; soltanto uno su dieci tornerà a servirsi dei mezzi pubblici, ritenuti poco sicuri sotto il profilo sanitario; la quota restante si divide tra bicicletta, scooter o moto, bike o car sharing. Complice la crisi economica, per l'acquisto di una nuova auto il 47...

  • Coronavirus: l’incubo Renault
    25 maggio 2020 - Continuano a farsi sentire gli effetti devastanti dell'emergenza coronavirus sul mercato dell'automotive. Questa volta a farne pesantemente le spese è Renault che sarebbe "in seria difficoltà finanziaria" e bisogna agire "urgentemente", perché "può scomparire": questo l'avvertimento lanciato dal ministro francese dell'Economia, Bruno Le Maire...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK