Il promoter Riccardo Raffa,
sempre nei panni del cliente

"Ho mandato il curriculum così tante volte che alla fine mi hanno accolto". Lo ricorda così, il promoter Riccardo Raffa, il suo ingresso in Doc. Determinato e disponibile, con il sorriso nella voce, dice del 'suo' consorzio: "Non è perché voglio fare lo splendido con loro, però tra le tante ditte che ho girato, Doc è una di quelle veramente serie, difficili da trovare in giro. C'è un clima che... cavolo, il posto giusto per arrivare fino alla pensione".

Da Palermo a Gardone Val Trompia. Come ci è arrivato?
Per amore, seguendo la mia metà che nel 2009 si è iscritta a infermieristica e si è spostata a Brescia. Ho 38 anni e, anche se sono originario di Palermo, ho sempre vissuto a destra e sinistra, non sono né siciliano né bresciano. Dal 2011 abito a Gardone Valtrompia con Grazia e il nostro bimbo Aleandro, 4 anni il 25 luglio.
Prima di Doc ho lavorato come autista dei trasporti pubblici bresciani, ma prima ancora ho avuto un'attività in Sicilia dopo tre e anni e mezzo nell'esercito; papà è un maresciallo dei Carabinieri in pensione, e io dopo la leva obbligatoria ho tentato il concorso, l'ho vinto e sono stato due anni a Trapani, alcuni mesi a Cassino e alla fine a Bari. Mi sono congedato come primo caporal maggiore.

In Doc da quando?
Purtroppo non da subito. Tra i miei tanti lavori mi sono messo a studiare per prendere la patente per fare l'autista. Le ho tutte: A, B, C, D, E, CQC.
Nell'officina meccanica di un mio carissimo amico, dove passavo parecchio tempo per curargli la vendita online, vedevo arrivare il furgone della Doc. E già mi ero incuriosito. Poi mi è capitato di lavorare con il fratello del ragazzo che c'era prima di me in Doc e ho cominciato a mandare il curriculum. Ho insistito così tanto che alla fine mi hanno accolto. Succedeva un anno e mezzo fa, sono entrato come logistico e servivo la zona della Val Trompia. Sette mesi fa mi hanno proposto di diventare promoter, credo un po' per il carattere e un po' per il mio passato nel commercio; il contatto con i clienti mi viene spontaneo. Quando ho iniziato a lavorare in Doc non sapevo che cosa fosse il promoter, ma avevo dato la mia disponibilità a crescere.

Ed eccola promoter. Quanti clienti ha nel suo portafoglio?
Seguo la zona della Valcamonica, che parte dalla Franciacorta a Pontoglio e arriva fino a Ponte di Legno. Sono 210 autoriparatori nella solita proporzione, il 60 per cento officine e il 40 carrozzerie.
Gigi (Papallo, nda) è stata la mia figura di riferimento, anche per il bel metodo di lavoro. 

In piena pandemia è nato il gruppo WhatsApp 'Gestione emergenze'. Lei come ha vissuto i primi mesi Covid?
All'inizio di andare in giro avevo un po' paura, avevo anche i racconti della mia compagna infermiera in pronto soccorso... Poi però mi mettevo nei panni dei clienti - le piccole attività hanno sofferto tanto - e il minimo che potevo fare era servirli, consegnare il ricambio urgente.
Sono state settimane in cui si passava da un estremo all'altro: chi ti faceva entrare e in quei pochi minuti il discorso era solo il Covid, e chi ti diceva di lasciare la merce fuori dal cancello.
Io mi adeguavo ai clienti, e tutti loro, soprattutto chi lavorava sull'emergenza, hanno apprezzato: qualcuno ha anche mandato messaggi di ringraziamento.

Il dopo Covid si intravede?
Si comincia a vedere il cliente che ti viene incontro, che spende due minuti a parlare, si sta tornando alla normalità. Oggi siamo intorno al 90 per cento, ma spero si vada a pieno regime il prima possibile.
Il cliente è un po' frenato dalla paura che il Covid possa 'tornare' a settembre. C'è chi ha paura di fare vacanza, chi ancora non ha preso la cassa integrazione, chi prima di riparare la macchina ci pensa; mentre il tagliando o il cambio gomme lo devi fare, la botta che prima avresti fatto sistemare solo per avere la macchina nuova adesso aspetti.
Avendo trascorso le ultime due settimane sul furgone in supporto alla logistica, posso dire che non è andata male, non dico come l'anno scorso in questo periodo ma la ripresa c'è.

Su che cosa spinge con i suoi clienti?
Sicuramente su Integra, che è un buon sistema per tutti; anche l'applicazione A-Service aiuta tanto, chi la usa si rende conto che è studiata davvero bene, è semplice e funziona. A volte i clienti non danno volentieri il recapito telefonico personale, ma non ho mai ricevuto rifiuti quando ho proposto di installare la App. In questo momento Covid, dove le distanze vanno tenute, meglio la App del telefono in ufficio: ti dà grande autonomia e ti permette di fare tutto. Un esempio? Per chiamare un magazzino non hai bisogno di andare nella 'vetrinetta' con la rubrica delle concessionarie, schiacci un tasto ed è fatta.

Che cosa chiede il cliente?
Sempre e comunque lo sconto! In questi mesi in cui sto crescendo nel ruolo di promoter, vedo che il cliente ha bisogno di informazioni, le più diverse. Quando realizzi che il cliente ti cerca ti fa piacere, vuol dire che stai facendo bene il tuo lavoro.
La pausa caffè, due chiacchiere e si crea un rapporto in cui puoi dare una mano, un consiglio, magari accordarti su un orario di consegna diverso... Tutte cose che puoi creare solo tu.

Contento di essere un promoter?
Io sono soddisfatto del ruolo attuale, può sembrare banale ma sì, mi piace quello che sto facendo. Sono grato a Doc del passaggio da logistico a promoter, sto facendo il possibile per non deluderli e non è perché voglio fare lo splendido con loro se dico che tra le tante ditte che ho girato Doc è una di quelle veramente serie, difficili da trovare in giro. C'è un clima che... cavolo, il posto giusto per arrivare fino alla pensione.

Il tempo per la Protezione Civile lo trova?
Avevo già dei contatti, e qualche settimana fa il presidente della Protezione Civile della Regione Lombardia ci ha proposto di fondare la sezione di Gardone Val Trompia. Siamo partiti in sei e in meno di un mese siamo già a 30 volontari. Siamo agli inizi, non abbiamo ancora nemmeno una sede, stiamo cercando di capire dove ci sarà bisogno... Io se sono libero do una mano volentieri, dico sempre che quello che fai nella vita un po' ti torna. Ho avuto chi mi ha aiutato e perché non farlo anche io?

  • Ue: addio al motore a scoppio
    23 settembre 2020 - Il motore a scoppio, l'invenzione del 1853 che ha rivoluzionato la mobilità umana nel XX secolo, è destinato prima o poi a uscire dal mercato auto dell'Unione europea. A metterlo nero su bianco è la Commissione europea, nella comunicazione sugli obiettivi climatici dell'Unione per il 2030, che prevedono un taglio del 55 per cento...

  • Effetto Covid: Rc auto in ribasso
    21 settembre 2020 - Ci si muove di meno, si comprano meno macchine, si stipulano meno contratti di copertura. Ecco perché il premio diminuisce in modo generalizzato, uno dei pochissimi effetti positivi della pandemia da Covid-19. Secondo l'ultimo bollettino dell'Ivass (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni) il prezzo medio effettivo pagato per l'Rc auto...

  • Europa: vendite auto ancora al palo
    18 settembre 2020 - Resta in territorio negativo in estate il mercato Europeo delle autovetture, sebbene con intensità minore rispetto ai pesanti cali dei mesi di lockdown: alla modesta diminuzione di luglio (-3,7 per cento) segue infatti una marcata contrazione ad agosto (-17,6 per cento), con una perdita netta di circa 238.000 unità nel bimestre...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK