Denis Gelsomino: “Integra? Aiuta
i riparatori e aiuta noi promoter”

Aveva 21 anni, Denis Gelsomino, quando è entrato in Doc come logistico. Oggi ne ha quasi 36 e ad aprile dell'anno scorso ha cambiato ruolo: "Ho visto che si era liberato un posto da promoter e ho pensato di avanzare la mia candidatura. Davide (Zago, direttore del consorzio, NdA), mi ha fatto capire che era ora, che si aspettavano questo passo. In effetti ci ho riflettuto un po', anche i colleghi - Giuseppe, Carla, Domizio... - mi sono stati vicini e ho rotto gli indugi". Denis è così, tranquillo, diplomatico, perfetto per un lavoro dove ogni richiesta è urgente e fondato il rischio che l'eccezione diventi la regola. Ecco il promoter di Bagnolo Cremasco nell'esercizio delle sue funzioni.

Com'è stato il passaggio?
Quando sono arrivato io, il consorzio Doc Brescia-Bergamo era ancora giovane, è stato bello vederlo crescere, siamo cresciuti tutti quanti insieme. All'epoca erano sette i giri per 70-80 clienti a testa e stava per essere introdotta la seconda consegna.
Da logistico non avrei mai pensato che fare il promoter sarebbe stato così coinvolgente. A parte i chilometri - circa 200 al giorno, copro la zona di Treviglio e arrivo a lambire le province di Lecco, Milano e Cremona - ci sono i problemi che ci vengono scaricati addosso dal riparatore.

Quanti ne segue?
Ora sono sui 210. Io di solito a inizio settimana capisco quali sono le questioni più o meno urgenti e in base a quelle pianifico la zona da seguire. Ho clienti programmati e altri che non vedo da un po' di tempo. Cerco di organizzare la mia attività quotidiana in base alla zona, ma capita a volte di dover saltare da una parte all'altra per urgenze o problemi di alcuni clienti; così, anche se cerco di lavorare su un'area precisa senza spostarmi troppo, diverse volte devo disattendere i buoni propositi per essere più elastico ed efficace muovendomi in fretta. 

Colpa delle 'emergenze'?
Io preferisco considerarle eccezioni. In linea di massima, però, i riparatori sono sinceri, se mi chiamano è perché hanno veramente un'urgenza. 

Non è che Denis sia troppo disponibile?
Tanto…, lo dice anche la mia ragazza!
Io mi definisco, e mi vedono così anche gli altri, una persona molto tranquilla, difficilmente mi innervosisco o alzo la voce. E sono abbastanza diplomatico. La sfuriata del cliente mi tocca relativamente, non mi faccio mai coinvolgere in tanta emotività o aggressività; sento quello che ha da dire e se ha ragione mi attivo; in caso contrario, mantenendo la calma, cerco di appianare la situazione. I miei clienti comunque sono fantastici, perché prima mi dicono tutto quello che mi devono dire e poi mi offrono il caffè. Sono un parafulmine.

Come vede i 'suoi' autoriparatori?
Vedo due realtà: la piccola officina, che fa un po' fatica, si lamenta ma comunque rimane a galla, e i grossi gruppi, più strutturati, che fanno dei bei fatturati, investono, si guardano in giro...

In tanti tendono verso il centro servizi...
Oltre alla forma c'è chi accosta sostanza. Proporre tanto alla fine dà tanto. La tendenza a offrire più servizi è anche del piccolino - per esempio, ormai tutti fanno servizio gomme -, per provare a tenersi il cliente.

Quali criticità emergono dalle sue visite?
Posto che la concorrenza è sempre presente ed agguerrita, tutti vorrebbero più sconti. La maggior parte dei clienti, però, capisce che il servizio Doc rappresenta un aiuto fondamentale per il loro lavoro quotidiano, è un servizio complesso ed efficiente, cosa diversa dall'offerta semplicemente di un prezzo e di uno sconto.
Lamentele poche, molto poche, e quelle che arrivano sono perché il cliente vorrebbe sempre essere accontentato immediatamente, anche se non è sempre possibile. A volte capita anche di discutere con alcuni magazzinieri, ma nella maggior parte dei casi il rapporto è talmente forte che riusciamo a darci supporto per andare incontro alle esigenze delle officine e delle carrozzerie.

Di Integra che cosa le dicono?
Ne parlo sempre e lo mostro a tutti, anche perché nel lungo periodo facilita non solo il loro ma anche il mio lavoro. Ho visto riparatori entusiasti, che si chiedono come facevano prima, e ce ne sono altri che fanno fatica ad avvicinarsi.
In generale, i giovani sono maggiormente interessati, anche se con le ovvie eccezioni: ho una cliente di 65 anni, zero tecnologia, che però vuole imparare: "Vieni qua, fammi vedere", e adesso sta usando il portale.
Quello che mi fa sorridere è che spesso, chi trova difficoltà ad usare Integra - che tra l'altro funziona anche su smartphone in modo intuitivo e veloce - o non ha voglia di provarci, o non si ricorda che ha dovuto 'imparare' anche quando ha iniziato a usare WhatsApp.

Com'è Denis nel tempo libero?
Sono appena andato a convivere, il tempo è poco. Gioco a calcetto con gli amici, mi piace un sacco fare snowbord, e mi sono riproposto di andare a camminare di più in montagna.

  • Settembre, riparazioni in calo
    18 ottobre 2019 - I prezzi si sono mantenuti su livelli normali e la situazione è di stabilità ma, a settembre, il sentiment del settore assistenza secondo il Barometro dell'Osservatorio Autopromotec non è esattamente positivo. La quota di autoriparatori che segnalano un alto livello di attività di officina è del 14 per cento, in calo rispetto al 24 e al 20 per cento...

  • Seat cambia pelle e diventa Cupra
    16 ottobre 2019 - In accordo con Herbert Diess, numero uno del Gruppo Volkswagen, e soprattutto per supportare la strategia di cambiamento che è stata annunciata dallo stesso Diess al Salone di Francoforte, il top management di Seat potrebbe decidere di cambiare il nome dell'azienda spagnola e trasformarlo in Cupra, come...

  • Grandi flotte, l'elettrico non sfonda
    14 ottobre 2019 - Nonostante gli eco-bonus previsti dal Governo nel 2019, l'offerta di vetture elettriche non sfonda nemmeno nel settore delle grandi flotte aziendali. A frenare i driver, che preferiscono affidarsi a veicoli diesel, sono limiti di autonomia, rete infrastrutturale insufficiente e scarsa conoscenza del prodotto. Migliora, per contro, la percezione delle...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK