Marco Brevi in viaggio,
che premio il Madagascar!

Per uno che rinuncia un altro parte. Ed è così che Marco Brevi, autoriparatore Doc di lungo corso, si è trovato imbarcato su un aereo diretto in Madagascar. Con lui "Andrea, l'ultimo arrivato tra i miei dipendenti ma... con il passaporto pronto". Sorride al ricordo il titolare di Brevi Marco Carrozzeria di Grassobbio (Bg), perché non capita tutti i giorni di dover decidere al volo se accettare un viaggio premio. E che viaggio!

Bello?
Bellissimo il posto e bellissima la compagnia, molto unita. È il terzo viaggio che faccio con Doc - il primo tanti anni fa a Cipro e poi nel 2018 a Marsa Alam - e anche questa volta è andata bene. L'albergo era grande ma, anche se ci siamo un po' dispersi, abbiamo creato un bel gruppetto con i colleghi e i responsabili del consorzio e ci si trovava, si facevano insieme le escursioni... Quello che c'era da fare e da vedere lo abbiamo fatto e visto. Che cosa ho riportato in Italia? L'immagine di una popolazione molto semplice, povera ma disponibile, e il ricordo un po' malinconico dei bambini di AsConAuto Campus...

Poi si torna in Italia, al lavoro di tutti i giorni. Come sta Brevi Marco Carrozzeria?
È cresciuta negli anni. L'ha fondata mio papà Silvano con un socio nel 1970 e io, che avevo cominciato a dare una mano da bambino, mi sono trovato in una situazione che ho deciso di portare avanti. Ho preso il diploma di ragioniere e quando nel '91 papà è andato in pensione e mi ha passato il testimone è nata 'Brevi Marco Carrozzeria'.
A fine anni 90 abbiamo rinnovato la sede raddoppiando gli spazi; oggi siamo in sette e lavoriamo in 500 metri quadrati operativi e più di 200 di magazzino, eppure a volte non bastano, dipende dai flussi.

Su che numeri viaggia?
Riparo 5-600 auto l'anno multimarca, dall'utilitaria alla supercar. I marchi sono disomogenei, ci sono periodi che entrano solo Volkswagen e altri che ti sembra di riparare soltanto Fiat. Ma che sia una Ferrari o una 500 il mio approccio è standard.
Ho una clientela composta per il 50 per cento da privati e l'altro 50 da compagnie di noleggio. È dal 2000 che ho investito sulle flotte e più di recente, vista anche la vicinanza all'aeroporto di Orio al Serio, ho cominciato a lavorare con le società di noleggio a breve termine.

Non ha citato le compagnie assicurative...
Sono convenzionato con Vittoria, Helvetia e in trattative con un'altra. Non canalizzano tantissimo però qualcosa arriva.

È andato in viaggio premio quindi è ovvio che monta originale. È la politica di casa Brevi?
Io preferisco il ricambio originale a quello equivalente, soprattutto sul lamierato. Deve essere proprio un'auto super vecchia per lavorare con il non originale. Con il servizio Doc che è ottimo (su Bergamo ho la doppia consegna, molto comoda) e gli sconti che fanno le concessionarie (hanno aderito praticamente tutte, l'offerta è ampia), se hai a che fare con auto abbastanza recenti parti sempre con l'originale.

Ordina con Integra?
Da anni, è più pratico del telefono ed è stato ulteriormente migliorato; con la ricerca per targa è tutto più veloce. Poi è vero che certe concessionarie non guardano subito e allora devi telefonare, ma anche i magazzini hanno fatto dei cambiamenti, si sono strutturati.

Lei è presidente del consorzio di carrozzieri bergamasco CARdinalis. Di che cosa si occupa?
È nato dieci anni fa per unire le forze e fare massa, con l'idea di un associazionismo indipendente. All'inizio uno dei punti qualificanti era la volontà di non convenzionarci con le assicurazioni, ma molte cose sono cambiate e oggettivamente non è più possibile.
Oggi siamo in 45 distribuiti in tutta la provincia di Bergamo, le adesioni sono in leggero aumento e ci stiamo focalizzando sull'offerta di servizi. Oltre all'ambito puramente tecnico - facciamo corsi sulle auto ibride, adesso ne stiamo organizzando di specifici su lattoneria e levabolli - ci stiamo buttando sui servizi di gestione della carrozzeria (smaltimento rifiuti, fornitura energia-gas, legge '81 ex 621/19 sulla sicurezza...).

Occuparsi del collega come del cliente è il tratto distintivo di Marco Brevi?
In carrozzeria la mia storia, la storia di mio padre parlano per noi. Non posso lodarmi da solo ma sento cose positive. Per tenerti il cliente devi trattarlo con i guanti, fornire un servizio sempre migliore a un prezzo sempre più concorrenziale. Chi ha un danno coperto dall'assicurazione guarda solo la qualità, ma anche gli altri vogliono l'auto perfetta.

  • Post-Covid: Italia ancora senza incentivi
    29 maggio 2020 - Mentre la Francia vara un maxi-piano da 8 miliardi per la mobilità e la Germania si appresta a presentare una manovra analoga, l'Italia per il momento non si occupa di sostegni per il settore automotive facendo vedere nero agli operatori di un settore che, nel complesso, rappresenta il 10 per cento del pil nazionale...

  • Come ci muoveremo 'dopo'?
    27 maggio 2020 - Superata l'emergenza Covid, sette italiani su dieci utilizzeranno l'auto per i propri spostamenti; soltanto uno su dieci tornerà a servirsi dei mezzi pubblici, ritenuti poco sicuri sotto il profilo sanitario; la quota restante si divide tra bicicletta, scooter o moto, bike o car sharing. Complice la crisi economica, per l'acquisto di una nuova auto il 47...

  • Coronavirus: l’incubo Renault
    25 maggio 2020 - Continuano a farsi sentire gli effetti devastanti dell'emergenza coronavirus sul mercato dell'automotive. Questa volta a farne pesantemente le spese è Renault che sarebbe "in seria difficoltà finanziaria" e bisogna agire "urgentemente", perché "può scomparire": questo l'avvertimento lanciato dal ministro francese dell'Economia, Bruno Le Maire...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK