Marco Manfredi (Airone),
“la meccanica oltre il noleggio"

"Siamo clienti DOC da almeno dieci anni, per la consegna a domicilio e più in generale per il servizio, che è molto importante". Lo è oggi e lo sarà ancora di più domani, quando Airone Srl di San Pancrazio di Palazzolo (Bs) prenderà casa a Castello di Palazzolo. Marco Manfredi, a capo dell'azienda di famiglia specializzata nel servizio di noleggio, guarda avanti.

A quando l'inaugurazione?
Settimane, qualche mese al massimo. Abbiamo firmato il contratto di acquisto dell'immobile in piena pandemia, a maggio 2020. Anche il 2021 non è stato un anno bellissimo, i clienti di officina stanno centellinando gli interventi, ma stiamo recuperando fatturato e comunque i 600 metri quadrati di Via Miola non ci danno la possibilità di ampliare il servizio di assistenza. Ora la parte di meccanica è quasi limitata ai nostri veicoli, allargandoci possiamo solo migliorare. Parliamo di duemila metri quadrati coperti, oltre a duemila di piazzale, in cui installeremo cinque postazioni ponte; già oggi siamo attrezzati con bilanciatrici, assetti ruote, smontagomme, ma nella sede nuova avremo un reparto meccanica con un suo responsabile tecnico e un deposito pneumatici.

Airone oggi è soprattutto noleggio?
Di piattaforme aeree (Socage, Iteco, Haulotte e Hinowa) e poi auto (Twingo, Clio, Fiat 500, Qashqai), furgoni (Renault nelle versioni cassone aperto, centinato, passo lungo, ribaltabile, telonato), minibus (Mercedes e Renault) per circa 80 veicoli. Contiamo di raddoppiare la flotta nel giro di cinque anni mantenendo la formula del noleggio a breve termine.

Per la manutenzione dei suoi mezzi utilizza ricambi originali?
Soprattutto ricambi originali e soprattutto per le garanzie. E poi, con il servizio DOC non dobbiamo più preoccuparci di prendere una macchina per andare a recuperare i ricambi nelle varie concessionarie. Il servizio è molto, molto importante.

A proposito di DOC: è stato il suo promoter a invitarla ad A come Service?
Sì, me ne aveva parlato Mirko (Rocco, promoter di zona, nda) e ne abbiamo approfittato subito io e mia moglie. Parto dal presupposto che c'è sempre qualcosa di curioso da vedere, di nuovo da imparare, e infatti ho seguito con interesse l'intervento di apertura del presidente Guidi e alcuni degli incontri proposti dall'organizzazione. Mi è piaciuto molto anche Horacio Pagani, che conosco da tempo; io e i miei figli andiamo tutti gli anni al Salone di Ginevra e, a ottobre, saremo a Padova per Auto e Moto d'Epoca. È un mondo che ci appassiona.

  • MobilitAria 2022, così così
    5 ottobre 2022 - Bari, Bologna, Cagliari, Catania, Firenze, Genova, Messina, Milano, Napoli, Palermo, Roma, Reggio Calabria, Torino, Venezia. Sono le 14 città metropolitane italiane per le quali sono stati analizzati i dati della mobilità e della qualità dell'aria al 2021 nell'ambito della Campagna europea Clean Cities. I risultati sono confluiti nel rapporto...

  • Auto d’epoca da Padova a Bologna
    3 ottobre 2022 - Dal prossimo anno il Salone classic Auto e Moto d'epoca, rinomata mostra mercato europea del settore, si trasferirà da Padova a Bologna. Nel luglio scorso Padova Hall, la società che controlla Fiera di Padova, ha ceduto la manifestazione a BolognaFiere: così a ottobre 2023 la 40esima edizione del Salone si svolgerà sotto le Due Torri...

  • Altro che schiavi dell'auto!
    30 settembre 2022 - È noto che l'Italia, nel confronto con Regno Unito, Spagna, Francia e Germania, vanta due primati poco invidiabili: il tasso di motorizzazione più elevato (642 auto per 1.000 abitanti contro la media di 553 degli altri Major Markets), e il circolante più anziano (12,2 anni, seconda solo alla Spagna). Gli italiani, con più di un'auto in famiglia, 'usano...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK