Bimbi in auto: quanto ne sai?

Dallo scorso novembre i dispositivi anti abbandono sono diventati obbligatori per chi viaggia con passeggeri da 0 a 4 anni, ma è ancora molta la confusione sui provvedimenti legislativi in materia, che hanno visto slittare a marzo 2020 l'applicazione effettiva delle multe. Lo rivela un'indagine condotta su un campione di 2.852 genitori dalla startup bluon per il lancio del dispositivo MyMi, secondo la quale quasi un quarto delle mamme e dei papà italiani dichiara di non aver capito le nuove regole, anche se il 76 per cento è a conoscenza del decreto o ne ha sentito parlare.

Tra chi lo giudica negativamente, il 43 per cento lamenta poca chiarezza nella norma, il 30 attribuisce colpe alla sua travagliata e poi frettolosa approvazione, il 18 critica l'insufficienza degli incentivi alle famiglie previsti fino ad oggi. Non per nulla l'89 per cento degli interessati non ha ancora acquistato dispositivi anti abbandono, mentre tra chi ha già provveduto il 37 per cento si è adeguato al provvedimento e il 35 lo ha fatto a prescindere, per motivi di sicurezza. Il 41 per cento pensa infatti che a chiunque potrebbe accadere di dimenticare il proprio figlio in auto e quasi l'1 per cento ammette che gli è già capitato.

Alla domanda su quali caratteristiche dovrebbe avere un efficace dispositivo anti abbandono per auto, la metà dei genitori pensa che dovrebbe funzionare indipendentemente dallo smartphone, adattarsi a tutti i modelli di seggiolino (49 per cento) e attivarsi automaticamente (47). In parallelo, tra i principali difetti riscontrati sui prodotti oggi in commercio ci sono l'obbligo di utilizzarli dovendo dipendere da uno smartphone o da internet (41 per cento), i costi elevati (38), la scarsità di pezzi disponibili sul mercato (21).

Il dispositivo MyMi è compatibile con ogni tipo di seggiolino e con tripla sicurezza, per funzionare anche senza smartphone. Certificato e a norma di legge, è composto da un cuscino intelligente universale, un tracker-portachiavi in grado di emettere segnali acustici e visivi in caso di allontanamento dall'auto con bimbo a bordo e un'app dedicata per garantire altri 2 livelli di protezione: è infatti in grado di emettere segnali acustici, visivi e aptici sia allo smartphone del conducente sia, con geolocalizzazione, a tutti i familiari.

  • VTM all'ombra della Mole
    22 settembre 2021 - La componentistica italiana parla con accento piemontese. Con circa il 45 per cento dei ricavi del settore, Torino e la regione si confermano cuore pulsante dell'industria automotive italiana: 736 le imprese che fatturano complessivamente 18,6 miliardi di euro e contano oltre 60mila addetti. Ed ecco perché anche l'edizione 2021-2022...

  • Mercato europeo: luglio-agosto in calo
    20 settembre 2021 - Il mercato dell'auto in Europa ha continuato a registrare cali notevoli nelle vendite durante i mesi estivi, complici le difficoltà economiche legate alla pandemia ma anche la grave crisi dei microchip. A luglio, nei 32 mercati del panel (UE+UK+EFTA) le immatricolazioni sono crollate del 23,6 per cento (a 978.918 unità) rispetto al 2020...

  • Acquistare l'auto online? Nì
    17 settembre 2021 - Comprare un'auto online è una possibilità per il 43 per cento degli italiani, come risulta dall'Automotive Customer Study di Quintegia presentato al Dealer Day. Una possibilità che si spiega con tre parole chiave - comodità, risparmio e immediatezza - e con una propensione all'e-commerce accelerata dalla pandemia. Già l'anno scorso, infatti...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK