Ingorghi = Inquinamento?

Lo stop alla circolazione causa Covid ha fornito un'occasione unica per un test prolungato, ben oltre le italiche 'domeniche a piedi', sull'impatto del biossido di azoto sull'inquinamento atmosferico. Da uno studio dell'Università di York, in Gran Bretagna, che ha monitorato in tutto il Paese le concentrazioni di NO2 prima, durante e dopo il lockdown, è emerso che al culmine del blocco i livelli di biossido di azoto erano in media inferiori del 56 per cento rispetto alla situazione pre-Covid, ma al primo luglio, con molte restrizioni ormai revocate, sono comunque rimasti inferiori di circa il 30 per cento.

Ovviamente non si possono trarre conclusioni affrettate. Ha dichiarato David Carslaw, del dipartimento di Chimica: "I dati in tutto il Regno Unito hanno mostrato un profondo calo delle concentrazioni di biossido di azoto, pari a circa il 50 per cento, ma un recupero più lento. Mentre i livelli di traffico sembrano essere tornati per lo più alla normalità, le concentrazioni di alcuni inquinanti atmosferici sono ancora molto più basse di quanto previsto statisticamente. Pensiamo che il motivo sia che le congestioni del traffico, cioè le code, non sono tornate completamente, e questo ha un effetto abbastanza importante sulle emissioni e quindi sulle concentrazioni".

In ogni caso, l'analisi dei dati raccolti in 100 diversi siti in tutta la Gran Bretagna durante il blocco e il successivo ritorno alla normalità "potrebbe offrire ai ricercatori l'opportunità di comprendere meglio i collegamenti tra inquinamento atmosferico e ingorghi del traffico".

  • Acquistare l'auto online? Nì
    17 settembre 2021 - Comprare un'auto online è una possibilità per il 43 per cento degli italiani, come risulta dall'Automotive Customer Study di Quintegia presentato al Dealer Day. Una possibilità che si spiega con tre parole chiave - comodità, risparmio e immediatezza - e con una propensione all'e-commerce accelerata dalla pandemia. Già l'anno scorso, infatti...

  • Commerciali: estate sulle montagne russe
    15 settembre 2021 - Andamento altalenante per il mercato dei veicoli commerciali che, secondo le stime del Centro Studi e Statistiche Unrae, registra in luglio una crescita del 2,8 per cento sul 2019, con 15.730 veicoli immatricolati, mentre ad agosto con 9.165 unità, i mezzi da lavoro evidenziano un calo del 2,7 per cento (il bimestre luglio-agosto segna...

  • Aftermarket, boom nel primo semestre
    13 settembre 2021 - Complice il confronto con i bassi livelli di gennaio-giugno 2020, nel primo semestre 2021 risultano in crescita a doppia cifra tutte e cinque le famiglie prodotto che fanno parte del Barometro Aftermarket ANFIA: Carrozzeria e abitacolo +24,53 per cento, Elettrici ed elettronici +29,59, Componenti motore +58,25, Componenti undercar +58,15...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK