Incidenti, meno vittime ma più giovani

Mai così pochi, mai così giovani. Secondo il Rapporto Istat 2019, le persone rimaste uccise in un incidente stradale sono state 3.173 (con 241.384 feriti), il numero più basso degli ultimi dieci anni; per contro, sono aumentati i morti tra i giovani di età compresa tra 20 e 29 anni e ci sono state ancora 35 vittime tra gli zero e i 14 anni, uno in più rispetto all'anno precedente.

Nella lista di chi ha perso la vita crescono ciclisti e motociclisti, diminuiscono i pedoni. Lo scorso anno sono stati 1.411 i conducenti e passeggeri di auto deceduti (-0,8 per cento rispetto al 2018); seguono motociclisti (698; +1,6), pedoni (534; -12,7), ciclisti (253; +15,5), occupanti di autocarri e motrici (137; -27,5), ciclomotoristi (88; -18,5 per cento). Le vittime di incidenti stradali sono state 2.566 uomini e 607 donne. I livelli massimi si registrano nelle classi di età 0-24 e 45-54 anni per gli uomini e tra i 75 e gli 89 anni per le donne.

Dal Rapporto Istat 2019 si evince anche che i feriti sono per lo più giovani tra i 20 e i 29 anni ma sono in aumento anche i bambini tra 0 e 14 anni.

  • Acquistare l'auto online? Nì
    17 settembre 2021 - Comprare un'auto online è una possibilità per il 43 per cento degli italiani, come risulta dall'Automotive Customer Study di Quintegia presentato al Dealer Day. Una possibilità che si spiega con tre parole chiave - comodità, risparmio e immediatezza - e con una propensione all'e-commerce accelerata dalla pandemia. Già l'anno scorso, infatti...

  • Commerciali: estate sulle montagne russe
    15 settembre 2021 - Andamento altalenante per il mercato dei veicoli commerciali che, secondo le stime del Centro Studi e Statistiche Unrae, registra in luglio una crescita del 2,8 per cento sul 2019, con 15.730 veicoli immatricolati, mentre ad agosto con 9.165 unità, i mezzi da lavoro evidenziano un calo del 2,7 per cento (il bimestre luglio-agosto segna...

  • Aftermarket, boom nel primo semestre
    13 settembre 2021 - Complice il confronto con i bassi livelli di gennaio-giugno 2020, nel primo semestre 2021 risultano in crescita a doppia cifra tutte e cinque le famiglie prodotto che fanno parte del Barometro Aftermarket ANFIA: Carrozzeria e abitacolo +24,53 per cento, Elettrici ed elettronici +29,59, Componenti motore +58,25, Componenti undercar +58,15...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK