Mal'Aria in troppe città

In otto città italiane su dieci la qualità dell'aria è al di sotto del minimo sindacale. Lo dice il rapporto di Legambiente 'Mal'aria', che ha analizzato l'inquinamento dal 2014 al 2018 avendo come riferimento i valori dell'Organizzazione Mondiale della Sanità. Sulle 97 città esaminate solo 15 hanno ottenuto la sufficienza: L'Aquila, Aosta, Belluno, Bolzano, Gorizia e Trapani (voto 6), Enna, Campobasso, Catanzaro, Grosseto, Nuoro, Verbania e Viterbo (7), Macerata (8) e Sassari (9). In fondo alla classifica, con un voto pari a zero, Torino, Roma, Palermo, Milano e Como.

"Per tutelare la salute delle persone", ha detto il direttore generale di Legambiente, Giorgio Zampetti, "bisogna avere coraggio e coerenza, definendo le priorità da affrontare e finanziare. Le città sono al centro di questa sfida. Inoltre, serve una politica diversa che non pensi solo ai blocchi del traffico e alle deboli e sporadiche misure anti-smog. Il governo italiano, grazie al Recovery fund, ha un'occasione irripetibile per modernizzare davvero il Paese, scegliendo la strada della lotta alla crisi climatica e della riconversione ecologica dell'economia italiana; non perda questa importante occasione e riparta dalle città incentivando l'utilizzo dei mezzi pubblici, potenziando la rete della sharing mobility e raddoppiando le piste ciclopedonali".

Oggi intanto il Centro Studi Continental ha rilevato, tra gennaio e giugno, una generale diminuzione della vendita di carburanti per autotrazione in Italia: -31,2 per cento di benzina (dalle 3.568.228 tonnellate dello stesso periodo del 2019 alle 2.456.491 del primo semestre 2020), -25,3 per cento di gasolio (da 11.822.405 a 8.826.296 tonnellate). Un calo che si spiega con il blocco della mobilità causato dal lockdown e che ha prodotto come unico effetto positivo un parziale miglioramento proprio della qualità dell'aria.

  • Acquistare l'auto online? Nì
    17 settembre 2021 - Comprare un'auto online è una possibilità per il 43 per cento degli italiani, come risulta dall'Automotive Customer Study di Quintegia presentato al Dealer Day. Una possibilità che si spiega con tre parole chiave - comodità, risparmio e immediatezza - e con una propensione all'e-commerce accelerata dalla pandemia. Già l'anno scorso, infatti...

  • Commerciali: estate sulle montagne russe
    15 settembre 2021 - Andamento altalenante per il mercato dei veicoli commerciali che, secondo le stime del Centro Studi e Statistiche Unrae, registra in luglio una crescita del 2,8 per cento sul 2019, con 15.730 veicoli immatricolati, mentre ad agosto con 9.165 unità, i mezzi da lavoro evidenziano un calo del 2,7 per cento (il bimestre luglio-agosto segna...

  • Aftermarket, boom nel primo semestre
    13 settembre 2021 - Complice il confronto con i bassi livelli di gennaio-giugno 2020, nel primo semestre 2021 risultano in crescita a doppia cifra tutte e cinque le famiglie prodotto che fanno parte del Barometro Aftermarket ANFIA: Carrozzeria e abitacolo +24,53 per cento, Elettrici ed elettronici +29,59, Componenti motore +58,25, Componenti undercar +58,15...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK