R&S, nessuno fa più di Volkswagen

C'è il Gruppo Volkswagen, tra le Case auto, in cima alla graduatoria dei maggiori investitori in Ricerca e Sviluppo, con un budget 2019 di 13,6 miliardi di euro in crescita di quasi 4 punti percentuali rispetto all'anno precedente. In seconda posizione Daimler (9 miliardi) seguita da Toyota (8,2), Ford (7,2), Bmw (6,9 miliardi). Risulta dal Quadro di valutazione R&S dell'UE pubblicato dalla Commissione europea sulla base di uno studio di Joint Research relativo alla classifica delle prime 2.500 società al mondo.

Nel complesso, gli investimenti 2019 in Ricerca e Sviluppo del settore auto ammontano a 123 miliardi, cifra che porta al 91 per cento l'incremento nell'ultimo decennio. Le Case devono infatti conformarsi a normative più rigorose anche per quanto riguarda le emissioni locali e globali, e devono ridurre sia il consumo di energia che l'inquinamento, aumentando l'uso di nuovi materiali e risolvendo i problemi di riciclo e smaltimento.

Per i più, la percentuale destinata a R&S in rapporto al fatturato resta compresa tra il 5 e il 6 per cento: 5,8 per Volkswagen, 5,4 per Daimler, 5,1 per Ford, 5,3 per GM e Honda. Solo Bmw ha un budget di Ricerca e Sviluppo superiore, pari al 7,1 per cento del fatturato, e investimenti che sfiorano i 7 miliardi di euro (+12,9 per cento sul 2018). All'interno dell'Alleanza fa di più Renault (6,1 per cento del fatturato) rispetto a Nissan (4,5) anche se, in generale, il budget della Losanga (3,5 miliardi di euro) rimane inferiore a quello di Nissan (4,1). Il Gruppo PSA, grazie all'integrazione di Opel, nel 2019 ha registrato uno dei maggiori incrementi del budget di spesa (+24,7 per cento), ma la percentuale di investimenti rispetto al fatturato resta al di sotto degli standard (4,9 per cento, pari a 3,6 miliardi di euro). Di poco più alti, a quota 3,7 miliardi di euro, gli investimenti di FCA.

Una curiosità: nella classifica 2019 delle aziende per numero di brevetti relativi alle tecnologie ambientali spicca Toyota con 2.344 registrazioni, seguono Hyundai-Kia con un totale di 1.767 e poi GM (941), Bosch (912), Volkswagen (726), Honda (538), Denso (502) e Nissan (456).

  • Acquistare l'auto online? Nì
    17 settembre 2021 - Comprare un'auto online è una possibilità per il 43 per cento degli italiani, come risulta dall'Automotive Customer Study di Quintegia presentato al Dealer Day. Una possibilità che si spiega con tre parole chiave - comodità, risparmio e immediatezza - e con una propensione all'e-commerce accelerata dalla pandemia. Già l'anno scorso, infatti...

  • Commerciali: estate sulle montagne russe
    15 settembre 2021 - Andamento altalenante per il mercato dei veicoli commerciali che, secondo le stime del Centro Studi e Statistiche Unrae, registra in luglio una crescita del 2,8 per cento sul 2019, con 15.730 veicoli immatricolati, mentre ad agosto con 9.165 unità, i mezzi da lavoro evidenziano un calo del 2,7 per cento (il bimestre luglio-agosto segna...

  • Aftermarket, boom nel primo semestre
    13 settembre 2021 - Complice il confronto con i bassi livelli di gennaio-giugno 2020, nel primo semestre 2021 risultano in crescita a doppia cifra tutte e cinque le famiglie prodotto che fanno parte del Barometro Aftermarket ANFIA: Carrozzeria e abitacolo +24,53 per cento, Elettrici ed elettronici +29,59, Componenti motore +58,25, Componenti undercar +58,15...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK