Un 2020 da dimenticare?

Un anno terribile, ma non da dimenticare. È la conclusione a cui è giunto #FORUMAutoMotive al suo settimo e ultimo appuntamento 2020 in diretta streaming su Facebook e Linkedin. Perché la maggior parte delle aziende del settore ha iniziato ad avviare strategie, tenendo ben presenti la lezione e gli effetti della pandemia, e perché c'è chi guarda al 2021 con moderato ottimismo. Ovviamente, a condizionare l'anno che sta per cominciare è la pesante incognita rappresentata dalle linee imprevedibili che saranno adottate dal Governo.

Di sicuro, come ha sintetizzato Dario Duse, di AlixPartners, "il Covid-19 ha interrotto il ciclo di sviluppo che era iniziato dopo la crisi del 2009; l'Italia ha sofferto più della media europea e le aspettative di ritorno a livelli pre-pandemia ci proiettano al 2022-2023; la reazione dell'industria al lockdown più pesante è stata efficace; oggi il panorama è severo, ideale per spingere a nuove fusioni e accordi tra aziende". 

Ed ecco le voci dalla filiera. Per Paolo Scudieri, presidente Anfia, "il 2020 è sicuramente da ricordare; conosciamo tutte le negatività che ha portato, ma ci ha insegnato a cambiare pelle". L'omologo di Unrae, Michele Crisci, teme che "il 2021 sarà di sofferenza se la domanda non sarà stimolata adeguatamente". Adolfo De Stefani Cosentino, presidente di Federauto, calcola "20.000 posti a rischio. Il 2021 potrebbe seguire un copione simile a quello del 2008 e portare a un calo degli addetti e, di conseguenza, della capillarità". Infine Fabrizio Guidi, presidente di AsConAuto, per il quale "il calo di vendite di ricambi c'è stato, ma siamo riusciti a tenerlo su un livello accettabile, anche perché abbiamo lavorato con i soccorsi. Siamo moderatamente ottimisti, in quanto sappiamo che la vettura privata sarà privilegiata rispetto al trasporto pubblico".

  • Acquistare l'auto online? Nì
    17 settembre 2021 - Comprare un'auto online è una possibilità per il 43 per cento degli italiani, come risulta dall'Automotive Customer Study di Quintegia presentato al Dealer Day. Una possibilità che si spiega con tre parole chiave - comodità, risparmio e immediatezza - e con una propensione all'e-commerce accelerata dalla pandemia. Già l'anno scorso, infatti...

  • Commerciali: estate sulle montagne russe
    15 settembre 2021 - Andamento altalenante per il mercato dei veicoli commerciali che, secondo le stime del Centro Studi e Statistiche Unrae, registra in luglio una crescita del 2,8 per cento sul 2019, con 15.730 veicoli immatricolati, mentre ad agosto con 9.165 unità, i mezzi da lavoro evidenziano un calo del 2,7 per cento (il bimestre luglio-agosto segna...

  • Aftermarket, boom nel primo semestre
    13 settembre 2021 - Complice il confronto con i bassi livelli di gennaio-giugno 2020, nel primo semestre 2021 risultano in crescita a doppia cifra tutte e cinque le famiglie prodotto che fanno parte del Barometro Aftermarket ANFIA: Carrozzeria e abitacolo +24,53 per cento, Elettrici ed elettronici +29,59, Componenti motore +58,25, Componenti undercar +58,15...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK