Revisioni: nel 2018 spesi 2,92 miliardi

Diminuisce il numero delle revisioni e, quindi, il compenso per le officine. Nel 2018 i veicoli sottoposti al check-up obbligatorio sono stati 13.959.706, l'1,8 per cento in meno rispetto ai 14.217.864 dell'anno prima. Gli italiani hanno speso in tutto 2.920.230.898 euro contro i 2.948.216.279 del 2017 (-0,9 per cento). La voce più consistente è quella riferita alle prerevisioni, cioè le operazioni di manutenzione e riparazione necessarie per mettere i veicoli in condizione di superare i controlli di legge: 1.986.605.761 euro, mezzo punto percentuale meno del 2017.

Va detto che, mentre non ci sono state variazioni né per quel che riguarda la tariffa fissa né per gli oneri accessori (Iva, diritti per la Motorizzazione e bollettino postale), la diminuzione del numero dei veicoli chiamati a revisione è stata compensata dall'incremento dell'1,3 per cento dei costi delle operazioni di manutenzione e riparazione come risulta dagli indici Istat.

Nel rielaborare i dati, l'Osservatorio Autopromotec ha posto l'accento sull'attività di revisione, che "oltre a essere un controllo obbligatorio previsto dal Codice della Strada, è uno strumento importante per mantenere in condizioni di efficienza i veicoli. La revisione ha infatti lo scopo di verificare le condizioni di sicurezza e il livello di emissioni inquinanti, così da attestarne l'idoneità a circolare su strada. È bene ricordare che, come previsto dal Codice della Strada, le revisioni vanno effettuate dopo quattro anni dall'immatricolazione e, successivamente, ogni due".

  • Revisioni, primo semestre stabile
    21 settembre 2019 - Sostanzialmente stabile il costo sostenuto dagli italiani nel primo semestre per far revisionare il proprio veicolo: 504,4 milioni di euro complessivi, lo 0,3 per cento in più dei 502,9 spesi nello stesso periodo dell'anno scorso. Secondo l'Osservatorio Autopromotec, che ha elaborato i dati del Ministero delle Infrastrutture e dei...

  • Mercato Europa: ad agosto pesante calo
    18 settembre 2019 - Prosegue in estate il calo del mercato Europeo dell'automobile: al piccolo rimbalzo di luglio (+1,2 per cento) segue infatti una pesante riduzione ad agosto (-8,6 per cento anche per il confronto con la forte crescita di agosto 2018 per effetto della successiva introduzione del WLTP), con una perdita netta di 84.217 unità nel bimestre. Secondo i dati...

  • RC auto mai così conveniente
    16 settembre 2019 - C'è lo zampino della scatola nera nel calo dei prezzi RC auto, calo dell'1,5 per cento nel secondo trimestre di quest'anno, rilevato dall'Ivass. Oggi il prezzo medio effettivamente pagato a livello nazionale è di 405 euro, il più basso dal 2012, da quando cioè l'Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private ha iniziato a monitorarne l'andamento...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK