Gpl, antidoto allo smog

"Servono misure concrete per favorire la diffusione del Gpl e lo sviluppo del Gnl, due fonti pulite, già pronte e disponibili, che possono aiutare a combattere l'inquinamento atmosferico". Lo ha detto Francesco Franchi, presidente di Assogasliquidi, in occasione dell'assemblea annuale.

L'Associazione di Federchimica che rappresenta il settore dei gas liquidi, infatti, ha calcolato che se la metà dei veicoli a benzina da Euro 0 a Euro 4 si convertisse a Gpl, si risparmierebbero ogni anno 1,3 milioni di tonnellate di anidride carbonica e 1.000 di ossidi di azoto.

Nel 2018 le immatricolazioni di veicoli alimentati a Gpl sono diminuite del 3,5 per cento in linea con l'andamento del mercato, con una quota del 6,5 per cento sul totale immatricolato invariata rispetto all'anno precedente. Nei primi due mesi di quest'anno, invece, si è registrata una crescita del 3,1 per cento. Complessivamente, il fabbisogno di Gpl nel 2018 è stato di 3,3 milioni di tonnellate, di cui 1,6 per uso autotrazione (-2,8 per cento rispetto all'anno prima).

Secondo Assogasliquidi servirebbero pertanto incentivi per l'acquisto di auto a Gpl, misure premio sulla tassa automobilistica, accesso alle Ztl e la conferma dell'esclusione dai blocchi del traffico.

  • Sostenibilità: il giro delle Alpi è “elettrico”
    26 giugno 2019 - Scatterà il prossimo 4 luglio da Cogne, in Valle d'Aosta, e si concluderà il 10 luglio a Bled, in Slovenia, la prima edizione dell'Alpine Pearls E-Tour, una sorta di "Mille Miglia" riservata alle auto elettriche. Saranno impegnate sette auto (Nissan, Renault, Tesla, Bmw e Jaguar) completamente elettriche che percorreranno un tragitto che unirà...

  • Popmove, cercasi scambisti
    24 giugno 2019 - Svelata la misteriosa campagna di lancio 'Cercasi scambisti', che dal 10 al 23 giugno ha tappezzato ogni angolo di Roma con cartelloni dallo slogan tanto provocatorio quanto criptico. Protagonista Popmove, Social Mobility Network che permette di trovare un'auto quando se ne ha bisogno e condividere la propria quando non...

  • Crisi diesel: a rischio 150mila posti
    21 giugno 2019 - Preoccupata del continuo calo delle vendite dei modelli diesel, Bosch lancia l'allarme, attraverso Gerhard Dambach, amministratore delegato di Bosch Italia, sulle conseguenze che potrebbero derivare da una perdurante crisi commerciale di questa tecnologia che, dati scientifici alla mano, è oggi la più pulita in rapporto ai costi per l'utenza...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK