L'ultima parola è del gommista

Mentre è in corso l'assalto al gommista per mettersi in regola con il cambio di stagione (il periodo di tolleranza scade il 15 maggio), GiPA ha reso noti i risultati di un'indagine sul ruolo del rivenditore di pneumatici. Secondo la multinazionale di ricerche di mercato dell'aftermarket è proprio al gommista che è si affidano gli automobilisti per essere certi di acquistare un prodotto sicuro e di qualità.

Il 55 per cento degli intervistati ha risposto che, sì, il gommista ha consigliato una marca specifica e di questi il 91 per cento ha accettato il suo consiglio (soltanto il 9 per cento ha richiesto una marca particolare). Le percentuali cambiano a seconda della scelta tra pneumatici estivi o invernali: nel primo caso, 55 intervistati su 100 hanno dichiarato di aver avuto un'indicazione sul tipo di marca e di averla seguita nell'88 per cento dei casi; riguardo alle 'scarpe' invernali invece, le percentuali sono state del 56 e del 95. Insomma, l'ultima parola è (quasi) sempre del gommista.

Non per nulla la categoria continua a ingrossarsi: gli ultimi dati forniti dall'Osservatorio Autopromotec dicono che i gommisti in Italia sono cresciuti, tra il 2015 e il 2018, del 3,6 per cento passando da 6.497 a 6.734. In aumento anche la spesa, aumento dovuto solo in parte a quello delle materie prime: 4,1 miliardi di euro nel 2018, il 9,49 per cento dei 43,3 miliardi spesi complessivamente per la manutenzione e la riparazione degli autoveicoli.

  • Revisioni, primo semestre stabile
    21 settembre 2019 - Sostanzialmente stabile il costo sostenuto dagli italiani nel primo semestre per far revisionare il proprio veicolo: 504,4 milioni di euro complessivi, lo 0,3 per cento in più dei 502,9 spesi nello stesso periodo dell'anno scorso. Secondo l'Osservatorio Autopromotec, che ha elaborato i dati del Ministero delle Infrastrutture e dei...

  • Mercato Europa: ad agosto pesante calo
    18 settembre 2019 - Prosegue in estate il calo del mercato Europeo dell'automobile: al piccolo rimbalzo di luglio (+1,2 per cento) segue infatti una pesante riduzione ad agosto (-8,6 per cento anche per il confronto con la forte crescita di agosto 2018 per effetto della successiva introduzione del WLTP), con una perdita netta di 84.217 unità nel bimestre. Secondo i dati...

  • RC auto mai così conveniente
    16 settembre 2019 - C'è lo zampino della scatola nera nel calo dei prezzi RC auto, calo dell'1,5 per cento nel secondo trimestre di quest'anno, rilevato dall'Ivass. Oggi il prezzo medio effettivamente pagato a livello nazionale è di 405 euro, il più basso dal 2012, da quando cioè l'Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private ha iniziato a monitorarne l'andamento...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK