Smart: Daimler trova alleati in Cina

Daimler e Geely Holding Group, colosso cinese dell'automotive che nel proprio portafoglio, tra le altre cose, annovera il 100% di Volvo e circa il 10% della stessa Daimler, annunciano una joint venture con quote 50-50 per le vetture Smart. Già la prossima generazione di micro auto sarà prodotta in una fabbrica in Cina. È quanto si legge in un comunicato congiunto delle due società.

Tra le informazioni rese pubbliche c'è anche quella secondo cui la nuova joint venture gestirà la proprietà e l'operatività di Smart con l'obiettivo di fare diventare il marchio un leader nel settore dell'auto elettrica, un modello di mobilità quest'ultimo, nel quale Geely vanta un know how di livello mondiale.

A questo proposito, tre nuovi modelli elettrici saranno prodotti proprio in Cina entro il 2022. È stato infine reso noto che lo stabilimento di Hambach in futuro assumerà un nuovo ruolo nella rete di produzione di Mercedes-Benz Cars e produrrà un veicolo elettrico compatto di Mercedes-Benz, sotto il nuovo marchio di prodotti e tecnologie EQ.



  • Sostenibilità: il giro delle Alpi è “elettrico”
    26 giugno 2019 - Scatterà il prossimo 4 luglio da Cogne, in Valle d'Aosta, e si concluderà il 10 luglio a Bled, in Slovenia, la prima edizione dell'Alpine Pearls E-Tour, una sorta di "Mille Miglia" riservata alle auto elettriche. Saranno impegnate sette auto (Nissan, Renault, Tesla, Bmw e Jaguar) completamente elettriche che percorreranno un tragitto che unirà...

  • Popmove, cercasi scambisti
    24 giugno 2019 - Svelata la misteriosa campagna di lancio 'Cercasi scambisti', che dal 10 al 23 giugno ha tappezzato ogni angolo di Roma con cartelloni dallo slogan tanto provocatorio quanto criptico. Protagonista Popmove, Social Mobility Network che permette di trovare un'auto quando se ne ha bisogno e condividere la propria quando non...

  • Crisi diesel: a rischio 150mila posti
    21 giugno 2019 - Preoccupata del continuo calo delle vendite dei modelli diesel, Bosch lancia l'allarme, attraverso Gerhard Dambach, amministratore delegato di Bosch Italia, sulle conseguenze che potrebbero derivare da una perdurante crisi commerciale di questa tecnologia che, dati scientifici alla mano, è oggi la più pulita in rapporto ai costi per l'utenza...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK