Commerciali Ue: Italia in controtendenza

Per il terzo mese consecutivo cresce il mercato dei veicoli commerciali in Europa. A marzo le immatricolazioni, secondo i dati dell'Acea, sono state il 4,1 per cento in più rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Alla crescita hanno contribuito tutti i segmenti, ad eccezione di autobus e pullman.

Hanno registrato risultati positivi tre dei cinque maggiori mercati Ue: Regno Unito (+10,3 per cento), Germania (+ 8,7 per cento) e Spagna (+ 4,9 per cento). Per contro, le immatricolazioni sono diminuite del 3,4 per cento in Italia, mentre i volumi francesi sono rimasti più o meno simili allo scorso anno (-0,3 per cento).

Nel primo trimestre 2019, il mercato Ue per i veicoli commerciali è aumentato del 5,1 per cento, con 654.657 nuovi veicoli commerciali registrati tra gennaio e marzo. La Germania ha registrato guadagni a doppia cifra (+ 12,8 per cento), seguita da Regno Unito (+8,9 per cento), Francia (+4,4 per cento) e Spagna (+3,1 per cento). L'Italia ha visto un leggero calo della domanda (-0,5 per cento).



  • Revisioni, primo semestre stabile
    21 settembre 2019 - Sostanzialmente stabile il costo sostenuto dagli italiani nel primo semestre per far revisionare il proprio veicolo: 504,4 milioni di euro complessivi, lo 0,3 per cento in più dei 502,9 spesi nello stesso periodo dell'anno scorso. Secondo l'Osservatorio Autopromotec, che ha elaborato i dati del Ministero delle Infrastrutture e dei...

  • Mercato Europa: ad agosto pesante calo
    18 settembre 2019 - Prosegue in estate il calo del mercato Europeo dell'automobile: al piccolo rimbalzo di luglio (+1,2 per cento) segue infatti una pesante riduzione ad agosto (-8,6 per cento anche per il confronto con la forte crescita di agosto 2018 per effetto della successiva introduzione del WLTP), con una perdita netta di 84.217 unità nel bimestre. Secondo i dati...

  • RC auto mai così conveniente
    16 settembre 2019 - C'è lo zampino della scatola nera nel calo dei prezzi RC auto, calo dell'1,5 per cento nel secondo trimestre di quest'anno, rilevato dall'Ivass. Oggi il prezzo medio effettivamente pagato a livello nazionale è di 405 euro, il più basso dal 2012, da quando cioè l'Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private ha iniziato a monitorarne l'andamento...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK