Carburanti, in un anno bruciati 59 miliardi

Quella per i carburanti è la principale voce di spesa degli italiani in tema di gestione degli autoveicoli. Lo dicono le elaborazioni del Centro Studi Promotor, secondo cui nel 2018 famiglie e imprese hanno speso per l'acquisto di benzina e gasolio 59,083 miliardi, 5,615 in più rispetto all'anno prima. Hanno contribuito all'aumento la crescita dei consumi del 3,3 per cento e la crescita dei prezzi alla pompa che sono stati mediamente più alti del 5 per cento per la benzina e del 7,8 per il gasolio.

A beneficiarne è stato in primo luogo l'Erario, che nel corso dell'anno ha incassato 35,752 miliardi, 1,806 miliardi più del 2017; e in secondo luogo la componente industriale (quota della spesa che va all'industria e alla distribuzione), che ha tratto vantaggio sia dall'incremento dei consumi che da quello dei prezzi. La somma incassata ha raggiunto i 23,331 miliardi con un incremento del 19,5 per cento sull'anno prima.

"La causa principale dell'aumento della spesa degli italiani per benzina e gasolio auto è stata il livello dei prezzi, interessati, dopo il minimo toccato a metà 2017, da forti spinte alla crescita. A partire dalla terza settimana di ottobre", si legge in una nota del Centro Studi Promotor, "la tendenza al rincaro per i prezzi alla pompa si è bruscamente invertita con cali consistenti nell'ultima parte dell'anno. Il 2019 è iniziato sotto buoni auspici, anche se l'incertezza del quadro internazionale non consente previsioni affidabili per l'intero anno".

  • Revisioni, primo semestre stabile
    21 settembre 2019 - Sostanzialmente stabile il costo sostenuto dagli italiani nel primo semestre per far revisionare il proprio veicolo: 504,4 milioni di euro complessivi, lo 0,3 per cento in più dei 502,9 spesi nello stesso periodo dell'anno scorso. Secondo l'Osservatorio Autopromotec, che ha elaborato i dati del Ministero delle Infrastrutture e dei...

  • Mercato Europa: ad agosto pesante calo
    18 settembre 2019 - Prosegue in estate il calo del mercato Europeo dell'automobile: al piccolo rimbalzo di luglio (+1,2 per cento) segue infatti una pesante riduzione ad agosto (-8,6 per cento anche per il confronto con la forte crescita di agosto 2018 per effetto della successiva introduzione del WLTP), con una perdita netta di 84.217 unità nel bimestre. Secondo i dati...

  • RC auto mai così conveniente
    16 settembre 2019 - C'è lo zampino della scatola nera nel calo dei prezzi RC auto, calo dell'1,5 per cento nel secondo trimestre di quest'anno, rilevato dall'Ivass. Oggi il prezzo medio effettivamente pagato a livello nazionale è di 405 euro, il più basso dal 2012, da quando cioè l'Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private ha iniziato a monitorarne l'andamento...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK