La sicurezza dei giovanissimi
non può essere un optional

ISA (sistema di adattamento intelligente della velocità) e AEB (frenata automatica di emergenza) obbligatori sulle auto nuove, oltre alle 'Zone30' intorno a scuole e aree pedonali e alla riduzione dell'Iva sui seggiolini: sono le misure suggerite dall'ETSC - European Transport Safety Council (Consiglio Europeo per la Sicurezza dei Trasporti) per "evitare che così tanti giovanissimi muoiano sulle strade". 

Secondo il 'Rapporto sulla sicurezza dei bambini' presentato oggi dall'ETSC, organismo di cui è parte anche l'Automobile Club d'Italia, negli ultimi dieci anni in Europa 8.000 tra bambini e under 14 sono morti a causa di incidenti stradali: la metà viaggiava a bordo di un'auto, il 33 per cento è stato investito mentre camminava o attraversava la strada, il 13 per cento andava in bicicletta. Ogni 13 ragazzini che muoiono in Europa, uno perde la vita in un incidente stradale.

Ha dichiarato Antonio Avenoso, direttore esecutivo dell'ETSC: "Tecnologie 'smart' economicamente vantaggiose e collaudate, come il sistema di adattamento intelligente della velocità e la frenata automatica di emergenza, sono fondamentali per salvare la vita dei giovanissimi come lo sono le cinture di sicurezza. Il vero cambiamento, però, si realizzerà solo quando queste tecnologie - esattamente come le cinture di sicurezza - saranno montate di serie su tutte le auto nuove e non saranno solo optional per pochi".

In Italia, nonostante il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale 'Orizzonte 2020' abbia adottato la Vision Zero per i bambini, 49 under 14 sono morti sulla strada nel 2016. Si guarda quindi con grandi aspettative al prossimo 2 maggio, quando la Commissione Europea dovrebbe annunciare un aggiornamento relativo alla regolamentazione della sicurezza dei veicoli, mentre l'Unione Europea sta mettendo a punto la strategia per la sicurezza stradale per il prossimo decennio.

  • Mercato Europa: il 2019 parte male
    15 febbraio 2019 - Dopo un 2018 in linea con l'anno precedente, in Europa (28+Efta) il trend appare peggiorare in questo inizio d'anno, visti i risultati del mese di gennaio che, secondo i dati diffusi dall'Acea, l'Associazione dei costruttori europei, fa registrare una contrazione delle vendite del 4,6 per cento nel mese con 1.226.446 autovetture nuove contro...

  • Riparazione, costi in linea con l'inflazione
    13 febbraio 2019 - Nel 2018 il prezzo delle auto in Italia è aumentato più dell'inflazione. Lo rileva il Centro Studi Promotor sulla base degli indici nazionali Istat. A fronte di un incremento del livello generale dei prezzi al consumo dell'1,2 per cento, quelli delle automobili nuove sono aumentati dell'1,89, e questo per l'effetto dell'incremento del 2,04 per cento per...

  • Ecco dove si progetterà l’auto del futuro
    11 febbraio 2019 - Formare una nuova generazione di esperti dell'automotive in grado di affrontare la sfida del momento: progettare e sviluppare sistemi intelligenti per veicoli connessi e autonomi. Con questo obiettivo nasce il Master universitario di secondo livello in Autonomous Driving and Enabling Technologies (ADBoT) su iniziativa delle Università...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK