Strade: lavori di manutenzione al palo

Nonostante le strade e le superstrade di gran parte d'Italia siano a volte piene di buche e richiederebbero urgenti interventi di manutenzione, i lavori stradali sono risultati sostanzialmente fermi anche nei primi mesi del 2018. Dopo un 2017 in cui i consumi di asfalto (conglomerato bituminoso) si sono confermati al minimo storico (da tre anni intorno ai 23 milioni di tonnellate contro i 45 mln del 2006), nei primi 5 mesi del 2018 gli indicatori sono peggiorati evidenziando una contrazione dell'11,8 per cento.

A essere più a rischio sono le arterie comunali dove le amministrazioni stanno correndo ai ripari moltiplicando le limitazioni alla circolazione e della velocità . Questa la fotografia scattata dalla nuova analisi trimestrale effettuata dall'Associazione Siteb - Strade italiane e bitumi. Nel dettaglio, nel 2017 la produzione di conglomerato bituminoso, dopo un crollo verticale costante registrato nel decennio 2006 (quando toccò quota 45 mln di tonnellate) - 2016, ha registrato un lieve 'rimbalzo', evidenziando un +2,1 per cento che l'ha portata da 23,1 a 23,6 milioni di tonnellate.

Di fatto solo una piccola inversione di tendenza che però lasciava sperare in un 2018 di vera ripresa per il comparto e soprattutto per la sicurezza delle nostre strade. Così non è stato, anzi nei primi cinque mesi il saldo è negativo (-11,8 per cento del consumo di bitume rispetto allo stesso periodo del 2017) e i primi segnali sul periodo estivo, in cui per le condizioni climatiche solitamente si concentra il 60 per cento dei lavori, non sono affatto confortanti.

E per le imprese del settore è arrivata, inoltre, un'ulteriore beffa: il costo del petrolio, stabile da anni intorno ai 50-60 dollari al barile, è improvvisamente schizzato a 80 dollari accompagnato da un concomitante deprezzamento dell'euro rispetto al dollaro. Il risultato è stato un brusco aumento del 20-25 per cento del prezzo del bitume che ha messo in crisi le imprese.



  • Auto green, l'exploit dell’Italia
    19 novembre 2018 - Con 196mila vetture ad alimentazione alternativa vendute nei primi 9 mesi del 2018, l'Italia si colloca al quarto posto, dopo Norvegia, Finlandia e Svezia, nella classifica europea delle nazioni con la maggiore quota di auto ecofriendly nel proprio mercato. In generale, sottolinea un rapporto dell'Associazione nazionale filiera industria...

  • Assistenza: prezzi e attività scendono
    16 novembre 2018 - Per otto autoriparatori su dieci i prezzi dell'assistenza a ottobre si sono mantenuti sostanzialmente stabili, ma i meccanici che segnalano un abbassamento sono più di quelli che segnalano un rialzo (19 contro 1 per cento). Lo dice il Barometro elaborato dall’Osservatorio Autopromotec sulla base della consueta inchiesta mensile...

  • Commerciali: ancora un calo a doppia cifra
    14 novembre 2018 - Così come settembre, che aveva registrato una flessione di circa il 22 per cento rispetto allo stesso mese dello scorso anno, anche a ottobre il mercato dei veicoli commerciali (autocarri con ptt fino a 3,5t) chiude con un calo a doppia cifra. Secondo le stime elaborate dal Centro studi e statistiche Unrae, l'Associazione delle case automobilistiche...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK