Auto autonome, rischio tilt nei centri urbani

Il successo delle auto autonome potrebbe mettere in crisi il traffico nelle grandi metropoli. A rivelarlo è lo studio "Reshaping urban mobility with autonomous vehicles. Lessons from the City of Boston" che The Boston Consulting Group ha realizzato in collaborazione con il World Economic Forum. Secondo il report, la diffusione di robotaxi e roboshuttle (i cosiddetti veicoli AV) potrebbe provocare l'innalzamento anche consistente dei tempi medi di viaggio nelle aree urbane centrali.

Basato su simulazioni avanzate, combinate con le evidenze sperimentali raccolte a Boston, dove dal gennaio 2017 i prototipi di NuTonomy-Lift, Optimus Ride e Aptiv hanno già percorso oltre 2.400 km in modalità "pilota automatico", lo studio avverte: "Robotaxi, roboshuttle e car sharing AV sono destinati a una rapida affermazione: permetteranno spostamenti comodi, sicuri e rapidi, a patto che il loro impiego sia governato per tempo dalle amministrazioni locali".

In caso di assenza di provvedimenti mirati le conseguenze potrebbero essere quelle emerse a Boston, dove a 'downtown' si è registrato un aumento dei tempi di percorrenza del 5,5 per cento. Nella capitale del Massachusetts, comunque, grazie agli AV la scorrevolezza complessiva risulta migliorata del 4,3 per cento, con punte del 12,1 per cento in alcune zone della cintura esterna. Il report spiega: ogni auto autonoma sostituirà più veicoli tradizionali liberando le strade.

Aumenterà, però, progressivamente il ricorso da parte dei cittadini agli AV anche per tratte brevi, a discapito di bus, bici e metro: un comportamento che nelle zone centrali avrà ripercussioni sul traffico. Tra i provvedimenti "virtuosi" suggeriti dagli analisti di Bcg da citare la creazione di corsie riservate (-8,3 per cento sui tempi di viaggio), ricavabili dalla riconversione degli spazi oggi riservati ai posteggi, l'adozione di tariffe differenziate per chi condividerà i robotaxi (-15,5 per cento) e l'istituzione di aree dedicate al carico/scarico dei passeggeri.



  • Italiani: “auto e buoi dei paesi tuoi”
    18 gennaio 2019 - Gli italiani risultano legati al Made in Italy per la scelta della prima auto: è quanto emerge dall'ultima indagine di automobile.it, piattaforma di compravendita di auto usate di proprietà del gruppo eBay. E ci sono differenza tra uomini e donne sulla tempistica degli acquisti. La ricerca, realizzata su un campione di 1.000 intervistati...

  • Carpooling, che passione!
    16 gennaio 2019 - Fare il tragitto casa-lavoro con colleghi e dipendenti di aziende limitrofe, lasciando a casa la propria auto quando non si è 'di turno' alla guida, ha permesso di togliere dalle strade 116.569 auto e di risparmiare 3.120.385 chilometri, un dato cresciuto dell'82 per cento nel 2018 rispetto al 2017. Ne hanno beneficiato, ovviamente, sia il portafoglio...

  • Veicoli commerciali: 2018 con segno meno
    14 gennaio 2018 - Dopo un primo semestre con vendite allineate a quelle del 2017 e un forte peggioramento a partire da settembre, complice una non completa disponibilità di prodotti rispondenti alle nuove norme di omologazione, entrate in vigore il 1° settembre per gli autocarri di fascia di peso più bassa, i veicoli commerciali chiudono l'anno 2018 con una flessione...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK