Più lavoro in officina

C'è ottimismo tra gli autoriparatori italiani, che prevedono per i prossimi mesi un aumento del lavoro in officina. Risulta dal Barometro sul sentiment del settore dell'assistenza auto elaborato dall'Osservatorio Autopromotec sulla base di un'inchiesta a campione condotta nel mese di aprile.

La differenza tra la percentuale di riparatori che si attendono un incremento e quella dei riparatori che invece si attendono una diminuzione è di undici punti, ben dieci più di quel misero uno per cento registrato in marzo. Il saldo di aprile risulta anche in netto miglioramento rispetto alle previsioni del mese di gennaio (saldo +7) e di febbraio (+3).
Il motivo? Presumibilmente, arriveranno in officina tutti i veicoli per i quali la manutenzione e gli interventi di riparazione sono stati rinviati nei mesi precedenti.

Per contro, l'Osservatorio ha rilevato una tendenza generale alla diminuzione dei prezzi praticati da meccanici e carrozzieri, tendenza più marcata a febbraio rispetto agli altri mesi presi in considerazione: il saldo era infatti -4 in gennaio, è poi diminuito fino a -9 in febbraio per poi salire a -5 in marzo e a -3 in aprile.

  • Italiani: “auto e buoi dei paesi tuoi”
    18 gennaio 2019 - Gli italiani risultano legati al Made in Italy per la scelta della prima auto: è quanto emerge dall'ultima indagine di automobile.it, piattaforma di compravendita di auto usate di proprietà del gruppo eBay. E ci sono differenza tra uomini e donne sulla tempistica degli acquisti. La ricerca, realizzata su un campione di 1.000 intervistati...

  • Carpooling, che passione!
    16 gennaio 2019 - Fare il tragitto casa-lavoro con colleghi e dipendenti di aziende limitrofe, lasciando a casa la propria auto quando non si è 'di turno' alla guida, ha permesso di togliere dalle strade 116.569 auto e di risparmiare 3.120.385 chilometri, un dato cresciuto dell'82 per cento nel 2018 rispetto al 2017. Ne hanno beneficiato, ovviamente, sia il portafoglio...

  • Veicoli commerciali: 2018 con segno meno
    14 gennaio 2018 - Dopo un primo semestre con vendite allineate a quelle del 2017 e un forte peggioramento a partire da settembre, complice una non completa disponibilità di prodotti rispondenti alle nuove norme di omologazione, entrate in vigore il 1° settembre per gli autocarri di fascia di peso più bassa, i veicoli commerciali chiudono l'anno 2018 con una flessione...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK