Mobilità condivisa: in Europa
primeggiano Italia e Germania

In tema di mobilità condivisa l'Europa è tutto tranne che omogenea. Per piacere piace - sono stati registrati 4,5 milioni di utilizzatori nel 2016 e la prospettiva è di contarne 8 nel 2020 - ma si notano differenze marcate sulle formule.

Secondo lo studio 'Mobilità condivisa - verso l'era del robotaxi' presentato da AlixPartners a #FORUMAutomotive, Regno Unito e Francia prediligono il ride sharing mentre Italia e Germania, che insieme rappresentano il 60 per cento dell'utenza europea, mostrano una spiccata preferenza per il car sharing. Un altro dato significativo, nel Belpaese il 61 per cento degli utilizzatori ha dichiarato che, grazie alle opportunità offerte dal car sharing, sta evitando o rinviando l'acquisto di un veicolo.

In Italia alla domanda 'Quando è stata l'ultima volta che hai utilizzato uno di questi mezzi di trasporto nelle aree metropolitane?', il 76 per cento del campione ha citato i mezzi pubblici (in Germania e Francia, rispettivamente, 85 e 83 per cento), il 61 i taxi, il 35 il car sharing (percentuale più alta tra i vari Paesi del campione) e il 27 per cento il ride sharing. Un'ulteriore significativa crescita del car sharing è attesa in Germania e Italia, mentre nel Regno Unito e in Francia a crescere sarà soprattutto il ride sharing. 

Le leve chiave, soprattutto nelle aree metropolitane, sono costi, trasparenza dei prezzi e disponibilità.

"La mobilità condivisa", ha commentato Giacomo Mori, managing director AlixPartners, "sta indubbiamente trasformando il modo in cui le persone di tutto il mondo utilizzano i veicoli, cominciando a preferire la 'disponibilità' di un'auto anziché la sua proprietà. Questo significa che, sia l'industria automobilistica tradizionale, sia i nuovi operatori devono iniziare ad adattarsi rapidamente per stare al passo con le aspettative e le inclinazioni dei consumatori".   

  • Acquisto auto: budget in calo
    17 dicembre 2018 - Cala nel 2018 il budget destinato all'acquisto dell'auto: 22.400 euro è la cifra media che nel quest'anno le famiglie italiane hanno deciso di spendere per una vettura nuova, in calo di circa 400 euro (il 2 per cento) rispetto al 2017, quando la spesa media era di 22.800 euro. È quanto emerge da un'indagine dell'Osservatorio sulla...

  • Da Ania-Polstrada i kit 'Street control'
    14 dicembre 2018 - Il 6,3 per cento del totale veicoli, con punte del 10 nel sud Italia, circola senza essere assicurato. È il dato allarmante - che riguarda 2,8 milioni di vetture - emerso al convegno nazionale 'La sicurezza stradale: tra esigenze di sicurezza, tecniche investigative e tutela amministrativa', organizzato a Cagliari dalla Polstrada. Da qui il protocollo...

  • Auto elettrica: allarme lavoro
    12 dicembre 2018 - Finora si è sempre parlato dei positivi effetti ambientali legati a un passaggio sempre più massiccio alla mobilità elettrica. Qualcuno però ha cominciato ora a considerare anche quali potranno essere le conseguenze per il mondo dell’industria automotive, e in particolare per quel che concerne l’occupazione. Ebbene...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK