Mobilità condivisa: in Europa
primeggiano Italia e Germania

In tema di mobilità condivisa l'Europa è tutto tranne che omogenea. Per piacere piace - sono stati registrati 4,5 milioni di utilizzatori nel 2016 e la prospettiva è di contarne 8 nel 2020 - ma si notano differenze marcate sulle formule.

Secondo lo studio 'Mobilità condivisa - verso l'era del robotaxi' presentato da AlixPartners a #FORUMAutomotive, Regno Unito e Francia prediligono il ride sharing mentre Italia e Germania, che insieme rappresentano il 60 per cento dell'utenza europea, mostrano una spiccata preferenza per il car sharing. Un altro dato significativo, nel Belpaese il 61 per cento degli utilizzatori ha dichiarato che, grazie alle opportunità offerte dal car sharing, sta evitando o rinviando l'acquisto di un veicolo.

In Italia alla domanda 'Quando è stata l'ultima volta che hai utilizzato uno di questi mezzi di trasporto nelle aree metropolitane?', il 76 per cento del campione ha citato i mezzi pubblici (in Germania e Francia, rispettivamente, 85 e 83 per cento), il 61 i taxi, il 35 il car sharing (percentuale più alta tra i vari Paesi del campione) e il 27 per cento il ride sharing. Un'ulteriore significativa crescita del car sharing è attesa in Germania e Italia, mentre nel Regno Unito e in Francia a crescere sarà soprattutto il ride sharing. 

Le leve chiave, soprattutto nelle aree metropolitane, sono costi, trasparenza dei prezzi e disponibilità.

"La mobilità condivisa", ha commentato Giacomo Mori, managing director AlixPartners, "sta indubbiamente trasformando il modo in cui le persone di tutto il mondo utilizzano i veicoli, cominciando a preferire la 'disponibilità' di un'auto anziché la sua proprietà. Questo significa che, sia l'industria automobilistica tradizionale, sia i nuovi operatori devono iniziare ad adattarsi rapidamente per stare al passo con le aspettative e le inclinazioni dei consumatori".   

  • Autoriparazione: servono 5.000 meccanici!
    24 maggio 2019 - Sono più di un milione gli addetti nel settore della riparazione di auto, ma non si trovano 5.000 meccanici. Sono le stime dell'Osservatorio Autopromotec, la rete di assistenza italiana che conta 410mila addetti nel solo comparto dell'autoriparazione. I dati sono stati resi noti in occasione di Autopromotec 2019, in corso a Bologna. Si tratta...

  • Autopromotec, su il sipario
    22 maggio 2019 - Primo giorno oggi di Autopromotec, biennale delle attrezzature e dell’aftermarket automobilistico che da oltre mezzo secolo riunisce nel Quartiere Fieristico di Bologna il settore dell’assistenza ai veicoli. Fino a domenica 26 i professionisti dell’intera filiera hanno la possibilità di osservare da vicino il top per la manutenzione e la riparazione...

  • Golf, un mito senza fine
    20 magio 2019 - La tanto attesa nuova generazione della Golf, la ottava dal debutto di questo modello nel 1974, arriverà in ottobre. A confermarlo è stato Herbert Diess, Ceo del Gruppo Volkswagen, che ha annunciato, durante la conferenza annuale degli azionisti, che la presentazione avverrà nella storica sede di Wolfsburg, dove nel 1937 è iniziata...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK